Novartis nel mondo | contatti | help | mappa del sito

 
 

 

 

 

Malattie e prevenzione

Haemophilus Influenzae di tipo b, meningite da

Malattia

L'Haemophilus influenzae è un batterio gram-negativo, aerobio facoltativo, che presenta ceppi capsulati, non emolitici. Precedentemente denominato bacillo di Pfeiffer, è agente causale di numerose infezioni acute primitive o secondarie dell'uomo.
È presente come commensale della mucosa oro-rino-faringea dell'uomo e può comportarsi da germe patogeno o da patogeno opportunista.
I ceppi capsulati possono determinare malattie acute come cellulite, epiglottite, meningite (in genere nei bambini) e polmonite, mentre quelli acapsulati, in genere commensali del nasofaringe, possono determinare condizioni di cronicizzazione, come sinusite, riacutizzazione di broncopneumopatie croniche, congiuntiviti e otiti medie. H. influenzae è, inoltre, causa frequente di infezioni respiratorie gravi, quali la polmonite, e spesso secondarie a malattie virali.

La meningite in generale è un processo infiammatorio acuto o cronico a carico delle leptomeningi (aracnoide e pia madre), dell'encefalo e del midollo spinale, con interessamento del liquor.
Il quadro clinico presenta costantemente un complesso di sintomi e segni caratteristici. I sintomi soggettivi sono cefalea a prevalente localizzazione nucale, rachialgia spontanea, fotofobia e intolleranza a stimoli sensoriali, vomito "a getto" non collegato all'introduzione di cibo; all'esame obiettivo si osserva posizione del corpo "a cane di fucile", opistotono totale, alterazioni psichiche, torpore o coma preceduti a volte da agitazione psicomotoria, delirio, allucinazioni; la febbre è di solito frequente, sono possibili sintomi motori, quali convulsioni, crisi epilettiche, paresi e paralisi, disturbi vasomotori e alterazione del ritmo del respiro; i segni neurologici specifici sono il rigor nucale, rigidità del dorso, segno di Amoss, segno della nuca di Brudzinski (alla flessione passiva del capo si flettono le ginocchia), segno di Kernig (la distensione passiva delle ginocchia incontra resistenza), riflesso controlaterale di Brudzinski (se si piega una gamba del paziente flette anche l'altra), segno di Binda; il tracciato elettroencefalografico risulta alterato; l'esame del fondo oculare può evidenziare ipertensione endocranica e si può avere alterazione del liquor. Se la flogosi si estende dalle meningi al tessuto nervoso vero e proprio, si possono verificare meningonevrassiti.
La meningite da H. influenzae è una meningite batterica detta "a liquor torbido" (o purulenta, piogenica): si ha ipertensione del liquor, che appare inizialmente grigiastro o giallo-verdognolo, per diventare opalescente nei casi ad evoluzione favorevole, ricco di proteine e cellule (granulociti neutrofili); il quadro clinico è grave, si verifica sempre flogosi della superficie cerebrale che appare avvolta da essudato purulento, sono possibili emorragie, infiltrati e ascessi.
La diagnosi differenziale è con la meningite virale, che, al contrario, è detta "a liquor limpido" (asettica, non purulenta): in questa il liquor è trasparente e incolore, con una pressione superiore alla norma, in genere povero di cellule e si nota un aumento delle proteine; il quadro clinico, caratterizzato da febbre e sindrome meningea, risulta meno grave di quello della meningite a liquor torbido.
L'accertamento diagnostico si ottiene mediante esame microscopico diretto e colturale del liquor (nelle forme ad eziologia batterica, protozoaria o fungina), isolamento dell'agente dal liquor e riscontro del titolo anticorpale nel siero (per le forme virali).
La terapia nelle meningiti batteriche viene fatta con antibiotici, per via endovenosa o intratecale (benzilpenicillina, ampicillina, cloramfenicolo, cefalosporine, aminoglicosidi).

 

Influenza in Italia: aggiornamento settimanale

La situazione epidemiologica e virologica dell'influenza in Italia sulla base dei dati nazionali elaborati dall'Istituto Superiore di Sanità e pubblicati dal sistema "Influnet" (Rete Italiana Sorveglianza Influenza). Uno sguardo all'Europa attraverso i dati riportati dall'EISS (European Influenza Surveillance Scheme).

Scarica qui le newsletter settimanali